Skip to content

Novità

IL VUOTO DELLA CROCE

La croce è un patibolo, uno strumento di tortura ed estrema sofferenza che porta alla morte; una fine atroce che annienta e umilia chi vi è sottoposto.Fin da piccoli noi cristiani siamo sottoposti all’immagine del crocefisso tanto da non comprenderne più la drammaticità perché ne siamo assuefatti, il corpo straziato di cristo è un tutt’uno con la croce, la sua sofferenza è stata assorbita dalla croce e a noi resta l’immagine della croce.La croce dei luoghi di preghiera: delle chiese, dei cimiteri, dei luoghi di sofferenza come gli ospedali, le carceri, dei posti più improbabili, o dei luoghi che pensiamo siano sereni e tranquilli come le nostre case.Tutto questo mi crea un vuoto uno spazio interiore da riempire.Una croce vuota, una croce fatta della luce che l’attraversa, fatta di immagini che sono dall’altra parte, una croce da attraversare.

Giorgio Cecchetto

Padova, agosto 2013.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FRAMMENTI

Si tratta di un database, un archivio di CD dove conservavo dati personali, fotografie e disegni del mio lavoro. Dovevo modificare la loro catalogazione e, dopo averlo fatto, distruggerli. Mi venne allora l’idea di trasformarli, compiere la mutazione da contenitori di immagini delle mie opere a loro stessi dei gioielli.
Intervenuto quindi sul materiale in parte composto da una sottilissima foglia d’argento, li ho tagliati, scaldati per dare nuova forma, bruciati con la fiamma. Un freddo pezzo di plastica dalle forti iridescenze cambiava forma e destinazione, i suoi frammenti contenevano ancora altri frammenti d’immagini, emozioni e ricordi personali.

Giorgio Cecchetto

Padova, 26/03/2012

 

 

 

 

VASI IN RAME  – SBALZO E CESELLO  2011

 

 

vasi in rame - 2011